Partito di Alternativa Comunista

La resistenza militare ucraina e il nuovo momento della guerra

La resistenza militare ucraina e il nuovo momento della guerra

 


di Americo Gomes e Pavel Polska

 

Siamo di fronte a un nuovo punto di svolta nella guerra ucraina. La sorprendente resistenza ucraina - le cui forze armate si sono rafforzate in virtù del reclutamento di una maggioranza significativa di lavoratori e membri della classe operaia - ha messo in difficoltà il secondo esercito più grande del mondo e ha trasformato l'Ucraina nell'epicentro del confronto tra rivoluzione e controrivoluzione a livello globale.
Sta dimostrando che l'Ucraina può vincere la guerra, poiché sta sviluppando un'attività coordinata tra artiglieria e fanteria, insieme all'azione di combattenti volontari e partigiani che effettuano sabotaggi all'interno dei territori occupati. Ma hanno bisogno di armi adeguate, superiori e più efficienti per le battaglie che li attendono.
L'imperialismo si rifiuta di inviare le armi di cui gli ucraini hanno bisogno, sostenendo di temere che cadano nelle mani dei contrabbandieri e dell'esercito russo, affermando di temere che «vengano utilizzate contro il territorio russo e che inaspriscano la guerra»: la verità è che ha paura delle conseguenze che una vittoria categorica della resistenza ucraina potrebbe avere sulle masse popolari di tutto il mondo.
La stampa borghese nasconde il ruolo della coraggiosa resistenza formata dai lavoratori comuni di diverse categorie e professioni, che prendono le armi per difendersi dagli invasori russi: una popolazione proletaria armata, mentre la borghesia fugge dal Paese e cerca di continuare a fare affari dall'estero.


Un nuovo momento della guerra

Nei quasi nove mesi di combattimenti, abbiamo assistito a diversi momenti di questo conflitto, come l'offensiva russa e l'assedio di Kiev. Poi c'è stata la ritirata verso est dell'esercito russo. Oggi si assiste a un cambiamento di posizioni, con l'abbandono da parte dell'esercito russo della città di Kherson e dell'intera sponda occidentale del fiume Dnieper, a dimostrazione del fatto che la Russia è sulla difensiva e si sta trincerando sulla sponda sinistra per cercare di difendere la Crimea. Non si devono però sottovalutare le loro azioni, i danni che provocano e la possibilità di una nuova offensiva.
La resistenza ucraina è riuscita a sconfiggere la guerra lampo russa, a indebolire l'offensiva e a invertire il corso della guerra. Si stima che circa 80.000 soldati ucraini siano morti per dimostrare che vale la pena combattere per la causa ucraina e che sono fondamentali gli aiuti e il sostegno a questa resistenza. A Kiev questo sostegno è stato determinante, grazie ai combattenti volontari che provenivano dalla classe operaia.


La resistenza di Kiev

Il 25 febbraio l'esercito è stato costretto a distribuire migliaia di fucili ai cittadini di Kiev in preparazione alla resistenza: secondo le stime circa 18.000. «Persone normalissime», ma tutte pronte a combattere a oltranza nelle strade o sui campi di battaglia di Bucha e Irpin, con molti di loro che si affidavano addirittura alle sole bombe molotov per affrontare i carri armati. Condividevano il cibo, dormivano in alloggi comuni e spesso si svegliavano con il suono dell'artiglieria nemica.
Nel frattempo, i convogli russi che si muovevano lungo le strade forestali ucraine cadevano in imboscate organizzate dalle unità ucraine. In alcune occasioni, queste unità hanno lasciato passare i carri armati per attaccare i camion di carburante che seguivano i veicoli corazzati. Così, i carri armati, hanno rapidamente esaurito il carburante e hanno dovuto fermarsi, di modo da essere catturati pressoché intatti.
Per far fronte all'avanzata delle orde russe, l'esercito ucraino ha decentrato il sistema di comando e controllo e ha affidato l'autorità ai leader sul campo, che conoscevano meglio la situazione. Le formazioni ucraine più motivate, flessibili ed efficaci erano piccole unità altamente mobili per evitare di diventare grandi e facili bersagli per gli attacchi russi.
Tra febbraio e marzo, i combattimenti a Kiev sono stati rapidi: cinque settimane. Gli invasori sono fuggiti, ma le perdite sono state terribili. Questa è stata la strada percorsa per la vittoria nella «battaglia di Kiev».


La resistenza ucraina all'offensiva

Al momento possiamo dire che l'offensiva militare è nelle mani degli ucraini. Stanno liberando un'ampia area territoriale intorno a Kharkiv e avanzano verso sud e verso est. Giungono notizie di località liberate a Lugansk e Donetsk, che hanno costretto la Russia a ritirarsi: come Kupiansk, che era un importante centro di rifornimento orientale per le forze russe. Il ministero della Difesa russo ha dichiarato che le sue truppe si sono ritirate anche dal centro militare della vicina Izyum (per «riorganizzarsi») e da Balaklyia.
Secondo gli specialisti militari, questa è la prima volta dalla Seconda guerra mondiale che intere unità russe sono andate perse. La combinazione di massicci attacchi missilistici alle retrovie russe e di attacchi riusciti alle loro principali postazioni di prima linea, come il ponte di Davydiv, alla fine ha dato risultati.

 

Soldati ucraini che attaccano il nemico

A questo punto, la città di Kherson è stata riconquistata e la popolazione, che resisteva alla presenza delle truppe russe e alla deportazione forzata (che il Cremlino chiamava «evacuazione»), ha accolto le truppe ucraine come veri liberatori. Questo è stato uno degli eventi più importanti della guerra e avrà conseguenze sul suo esito. Per la Russia significa che le possibilità di conquistare Mykolaiv e Odessa sono ora pari a zero. Una sconfitta umiliante per coloro che un mese fa rivendicavano la sovranità su Kherson e sulla regione.
I combattimenti si concentreranno ora sulla sponda orientale del Dnieper, con le forze russe fortificate sulle sponde est e sud (secondo le immagini satellitari), con tre linee difensive parallele lunghe 100 chilometri composte da trincee, nidi di mitragliatrici, bunker e veicoli blindati. Per vincere gli ucraini hanno bisogno della superiorità aerea, che può essere raggiunta solo fornendoli di aerei dotati di artiglieria in grado di raggiungere i 300 chilometri di distanza, oltre che di ulteriori sistemi di difesa aerea. Tutte cose che il governo statunitense si è finora rifiutato di fornire.


Resistenza clandestina «partigiana» a Kherson

All'assedio di Kherson si affianca il lavoro sotterraneo dei partigiani all'interno della città. Per impedire loro di comunicare, i russi hanno tagliato la rete internet nella regione, per cui comunicano con radio analogiche o, quando i ripetitori funzionano, coi telefoni cellulari.
Gli ufficiali russi hanno illuso i soldati che sarebbero stati accolti come liberatori del popolo ucraino contro gli oppressori «nazisti». Per questo motivo, molti di loro, sono stupiti e impreparati dall'accoglienza ricevuta fin dai primi giorni: non solo non sono stati accolti con i fiori, ma sono stati respinti con odio. Questo odio alimenta il movimento partigiano nei territori ucraini occupati.
Essere partigiano non significa necessariamente essere direttamente coinvolto nel sabotaggio. Molti trasmettono massicciamente i movimenti di colonne e gruppi di invasori in tempo reale alle truppe ucraine, spesso simultaneamente, da decine di osservatori da edifici su più lati di una strada o di un viale. Gli ucraini hanno un'applicazione di servizio pubblico sul proprio telefono, chiamata «Дія» («Azione»), che pubblica copie elettroniche di documenti validi come passaporti, patenti di guida, certificati di vaccinazione, ecc. Da febbraio, questa applicazione viene utilizzata per le donazioni all'esercito ucraino, per acquistare buoni militari per aiutare le forze armate ucraine e per aderire al programma «eVorog» («nemico»): «eVorog» è una chat speciale che consente a tutti i cittadini ucraini di segnalare in tempo reale gli spostamenti dei convogli nemici, scambiare informazioni sui luoghi in cui trascorrono la notte e sulle persone che collaborano con loro. A settembre, più di 368.000 ucraini hanno utilizzato la chat «Azione» e ora c’è anche un canale Telegram. Le informazioni scambiate riguardano anche i movimenti delle ferrovie, i depositi di munizioni, le stazioni radar, le postazioni di artiglieria, i campi di volo per elicotteri e persino delle sedi del personale di comando delle truppe russe. Oltre a ciò, questa chat fornisce agli utenti attivi un aiuto sui metodi di geolocalizzazione e, se necessario, un aiuto anche da parte di tecnici.
A Kherson esiste il «Gruppo di supervisione» che ha coordinato le prime manifestazioni di protesta in città contro la presenza russa ed è diventato una rete di intelligence ucraina nella regione. Ha 42.000 utenti, che attualmente seguono l'offensiva delle Forze armate ucraine.
Attraverso questa chat, vengono raccolti anche fondi per aiutare le unità ucraine a liberare la regione. Questo denaro viene utilizzato per acquistare qualsiasi cosa, dalle termocamere ai guanti termici.
Tra questi partigiani ci sono «eroi» individuali e gruppi auto-organizzati. Questi gruppi, oltre a fornire informazioni, attaccano le pattuglie russe e prendono le armi, talvolta giustiziando anche membri delle truppe di occupazione. Altri sono specialisti in determinate aree o semplicemente esplorano i territori.
I partigiani che raccolgono informazioni vanno dai nonni, che con i loro nipoti riferiscono dei movimenti dei carri armati o dei luoghi in cui i russi hanno stabilito un quartier generale. Il centro partigiano organizza le informazioni e le cataloga individualmente e in gruppi, assicurando che il flusso di informazioni arrivi alle forze combattenti. Altri stanno raccogliendo armi e preparando imboscate. Non c'è una grande rete che organizzi il tutto, anche se gruppi speciali di combattenti ucraini sono entrati e continuano a entrare nel territorio occupato.
Naturalmente, i russi reagiscono con campi di concentramento, che le forze di occupazione usano per detenere, interrogare e deportare centinaia di migliaia di ucraini, che in alcuni luoghi raggiungono il 100% della popolazione maschile. A Kherson, tutti gli uomini, dai 16 anni in su e senza limiti di età, sono stati arrestati, picchiati per più giorni, imprigionati in fosse che loro stessi sono stati costretti a scavare. Tutto questo insieme a operazioni di «pulizia» della popolazione come nel Dnieper, perquisizioni domiciliari, controlli telefonici. Ci sono campi di concentramento con civili, come vicino a Mariupol, con molti prigionieri giovani sotto i 18 anni. Oltre alla «colonia 17» di Henichesk, la «90», il centro di detenzione temporanea di Kherson e il centro di detenzione preventiva di Nova Kakhovka. Oltre a luoghi di tortura come la scuola professionale di Henichesk, dove hanno attrezzato un «kativno» (boia in ucraino).

La Russia è considerata leader mondiale nelle abilità e nelle tattiche avanzate di guerra elettronica, ovverosia l'insieme di azioni militari che utilizzano l’energia elettromagnetica, dalle onde radio ai raggi gamma, per prendere il controllo delle radiazioni del nemico. Attraverso queste trasmissioni vocali, radio, radar e a microonde fluiscono informazioni, intelligence, dati, immagini, ordini e rapporti. Pertanto, disturbano, neutralizzano e bloccano le trasmissioni nemiche. Cercano di azzerare o falsificare le emissioni sul territorio ucraino dei sistemi di navigazione (Gps-americano, Glonass-russo, Galileo-europeo e Beidou-cinese) per rendere difficile il monitoraggio della traiettoria dei missili a medio raggio impiantati nel teatro delle operazioni. Quando tutto ciò non funziona, in alcune città tagliano completamente l'elettricità e le comunicazioni per un giorno o due. Nonostante ciò, la resistenza nei territori occupati continua a funzionare.


Difesa del territorio

In alcune aree liberate sono state create le Forze di difesa territoriale dell'Ucraina; ufficialmente considerate una componente militare di riserva delle Forze Armate dell'Ucraina, sono state formate dopo la riorganizzazione dei Battaglioni di difesa territoriale. Si tratta di milizie volontarie, composte da riservisti a tempo parziale, di solito ex combattenti veterani e volontari civili locali per la difesa del territorio, tecnicamente sotto il comando del Ministero della Difesa, formalizzato nel 2022 come corpo di difesa unificato.
Molti di loro sono ex combattenti sconfitti nei conflitti del 2014, nella guerra di Crimea o nei primi combattimenti della guerra del Donbass da parte dei separatisti sostenuti da Mosca. All'epoca erano mal preparati, mal equipaggiati, privi di professionalità, morale, spirito combattivo e con una grave incompetenza nell'alto comando. Da quel momento hanno iniziato a formarsi milizie volontarie e gruppi paramilitari per combattere i separatisti. Questi battaglioni di difesa territoriale e di volontari hanno avuto il merito di difendere la linea contro le forze separatiste e di permettere all'esercito ucraino di passare all'offensiva.
L'11 febbraio 2022 il numero di volontari è passato da 1,5 milioni a 2 milioni. Con l'invasione russa, molti civili si sono uniti ai gruppi locali delle Forze di difesa territoriale per combattere contro gli invasori. Il 6 marzo quasi 100.000 persone si erano offerte volontarie per le Forze di difesa territoriale: c’erano così tante persone che alcune unità hanno smesso di accettare volontari quando hanno raggiunto il loro limite operativo. Ci sono state segnalazioni di volontari ucraini che hanno pagato soldi o hanno usato conoscenze per unirsi alla Difesa territoriale.
In queste difese territoriali, quando sono ufficiali, sono tutti volontari, ma firmano contratti, ricevono armi e stipendi. Il loro status non è diverso da quello di un soldato e la legge consente di inviare unità di Dt (Difesa territoriale) al fronte al di fuori delle loro regioni.
Ci sono città vicine al fronte, come Toretsk, o «villaggi» con un paio di migliaia di abitanti, come Plakhtyanka, che possono creare solo formazioni volontarie. I loro membri ricevono armi, ma non firmano contratti e non ricevono stipendi. Così hanno organizzato le proprie risorse: giubbotti antiproiettile presi dalla polizia, armi da difesa e da caccia, mezzi anticarro e bloccano l'ingresso del villaggio. Si sono organizzati in turni e hanno eletto un capo. E tengono rapporti con l'Sbu (Servizio di sicurezza dell'Ucraina). Studiano tattiche di combattimento, letteratura militare. Quando i russi attaccano le città, nascondono file e computer e tolgono le bandiere dagli edifici pubblici. Chiedono costantemente armi, che vengono promesse ma il più delle volte non arrivano.


C'era una volta un ponte…

Recentemente abbiamo assistito all'esplosione del ponte sullo stretto di Kerch in Crimea. L'attacco ha danneggiato un'arteria logistica e di rifornimento strategica per le forze russe e ha rappresentato un rafforzamento del morale ucraino, dimostrando che la Russia non è invulnerabile. I servizi segreti russi affermano che si è trattato di un camion bomba ucraino.
Il ponte è sembrato ancora più invulnerabile per l'Ucraina, che non ha armi a lungo raggio o abbastanza potenti da causare danni a questo ponte di cemento e acciaio, poiché l'imperialismo si rifiuta di fornire tali armi; la sua forza aerea non è all'altezza delle batterie antiaeree russe S-300 o S-400. L'armamento dei droni Tb2 è adatto solo per distruggere veicoli e posti di comando.
Inoltre, il ponte è pesantemente pattugliato da truppe speciali, pattuglie aeree da combattimento, elicotteri d'attacco e unità di guerra elettronica nelle vicinanze, formando una difesa formidabile per questo obiettivo più prezioso del conflitto.
Da un punto di vista militare, la maggior parte della logistica che rifornisce il fronte meridionale, centralizzato nella città di Kherson, passa attraverso la Crimea, con un pesante impatto sulle forze russe assediate e schiacciate dalla controffensiva ucraina. Il rifornimento di munizioni e armi per i combattimenti offensivi viene fornito dalle basi logistiche al di là del fiume. L'attacco al ponte sullo Stretto di Kerch ha indebolito questa linea di rifornimento e peggiorato il quadro dei combattimenti per i russi.
In termini di «propaganda morale» ucraina, è stato uno shock per i civili russi già reduci dall'impatto della mobilitazione forzata. Putin stesso ha inaugurato il ponte di Crimea nel 2018, guidando un camion attraverso lo stretto. Il ponte è stato costruito da un suo alleato e l'attacco è avvenuto il giorno dopo il suo 70° anniversario. Anche in questo caso è stata messa in dubbio l'efficienza della Russia nel condurre una guerra.
L'Fsb, il servizio di sicurezza russo, sta portando avanti un intenso controllo di sicurezza. Si sta cercando l'autista del camion e il percorso che ha fatto prima di attraversare il ponte, ma sono state rese note poche informazioni.
Il merito dell'attacco va alla resistenza ucraina che opera nei territori occupati. Fin dall'inizio dell'invasione, si sono presi la responsabilità di eliminare i capi locali considerati collaboratori di Mosca. Qualche settimana fa, cinque ufficiali dell'Fsb e due ufficiali militari russi di alto livello sono stati uccisi in un hotel di Kherson.
Gli attacchi sono aumentati da quando la Russia ha annesso con una truffa i quattro territori ucraini a settembre. Questi attacchi isolati sono diventati sempre più efficaci quando questi gruppi hanno iniziato a coordinarsi con il comando militare ucraino. Gli attacchi sporadici stanno diventando più mirati e meditati come parte di una strategia globale.
Le forze ucraine per le operazioni speciali stanno addestrando, guidando e armando i gruppi partigiani nell'arte del sabotaggio, delle tattiche di attacco e fuga, delle comunicazioni segrete e della capacità di rimanere nascosti all'interno di una popolazione, mentre creano scompiglio nel nemico.
All’interno della città di Kherson, l'attività principale è la sorveglianza e il monitoraggio dei movimenti militari e di sicurezza russi, con informazioni poi trasmesse all'esercito ucraino.
Ma i partigiani non operano solo a Kherson, ma anche nella città ferroviaria di Melitopol e a New Kakhovka, vicino al fiume Dnieper e alla diga e all'imboccatura del Canale della Crimea del Nord, vitale per la fornitura di acqua dolce all'85% della Crimea. Più di 20.000 truppe russe sono intrappolate sull'altra sponda del fiume Dnieper.
Il bombardamento del ponte sta incoraggiando i guerriglieri e i gruppi di resistenza nelle aree occupate, per cui gli attacchi aumenteranno in frequenza e portata, concentrandosi sulle linee di rifornimento della Russia, dato che la sua eccessiva dipendenza dal trasporto ferroviario rende il lavoro dei guerriglieri ucraini molto più facile. All’esplosione del ponte vanno aggiunti il naufragio della nave [missile guidato] Moskva e al possibile fallimento dell’invasione a Donetsk.


Putin retrocede attaccando

Putin sta facendo passi indietro, ma sta attaccando pesantemente in questa ritirata: ha messo in scena la scandalosa truffa dei referendum nei quattro territori occupati, per creare ad arte la giustificazione che essendo territorio russo poteva fare qualsiasi cosa per difenderlo, compreso l'uso di armi atomiche; ed effettua attacchi con droni iraniani e missili contro le infrastrutture ucraine, con lo scopo di danneggiarle irrimediabilmente per l'inverno, interrompendo l'accesso ai servizi di base e causando grandi sofferenze alla popolazione civile, con l'obiettivo che la sofferenza per il freddo demoralizzi parte della resistenza.
Questi attacchi hanno lasciato diverse regioni del Paese senza elettricità e acqua potabile, colpendo circa il 40% delle infrastrutture ucraine. A Kiev e in almeno altre sette regioni dell'Ucraina si sono verificate interruzioni della fornitura di energia elettrica.
Gli attacchi all'elettricità sono considerati «devastanti» per l'infrastruttura energetica del Paese, in un Paese in cui le temperature invernali possono scendere fino a meno 30 gradi.
Putin pensa inoltre che il freddo rallenterà il ritmo delle operazioni militari ucraine. Questo aiuterebbe la Russia a mantenere le sue linee di difesa, a mantenere il territorio conquistato e a ripristinare i normali rifornimenti per le sue truppe.
Nonostante ciò, gli attacchi dei droni Shahed-136 non sono una dimostrazione di forza, anche se causano molti danni; sono lanci [a discesa verticale], non truppe; iraniani, non russi. Un altro aspetto della politica di Putin sono le deportazioni forzate: a Kherson ha ordinato di reinsediare 70.000 residenti lontano dalla regione occupata a est del fiume Dnipro. C'è persino la minaccia che l'esplosione della diga di Kakhovka, controllata dai russi, possa inondare l'area.


La resistenza assume le forme necessarie

Mentre avvengono continui attacchi russi ai sistemi di riscaldamento e di elettricità invernale da parte di missili kamikaze, gli operai ucraini che riparano la rete elettrica lavorano a pieno ritmo e la popolazione risparmia elettricità astenendosi dall'usare lavatrici e altre macchine che consumano energia.
Nei principali centri di Kiev le luci delle strade vengono spente al crepuscolo. Il venerdì sera, tuttavia, vengono tenute accese in alcune strade del centro per permettere ai musicisti di strada di suonare la loro musica e alla gente di ballare.
Secondo gli esperti, i progressi dell'Ucraina sul campo di battaglia sono stati ottenuti coordinando «carri armati con veicoli corazzati, con il supporto dell'artiglieria, per sabotare le difese russe, identificare i punti deboli e sfruttarli, spostando le forze rapidamente. Oltre, ovviamente, all'azione dei «partigiani» all'interno del territorio occupato, che genera panico e terrore nelle truppe di occupazione russe. Spetta al movimento operaio in generale e alle sue organizzazioni e istituzioni raddoppiare la campagna per chiedere l'invio delle armi necessarie agli ucraini per sconfiggere l'esercito di Putin e denunciare che i governi imperialisti non forniscono armi in quantità e qualità sufficienti, dal momento che la loro politica centrale è quella di negoziare un accordo per porre fine alla guerra a scapito della sovranità ucraina e della cessione di parte del territorio a est.
La fornitura di armi da parte dell'imperialismo è aumentata (sotto la pressione della resistenza e di una campagna internazionale), ma è ancora insufficiente. Ad esempio, a tutt'oggi non è stato inviato alcun aereo. L'imperialismo statunitense continua a rifiutarsi di inviare aerei e di addestrare i piloti ucraini. Gli ucraini chiedono F-15 e F-16, A-10 Thunderbolt (speciali per il supporto aereo contro le forze di terra della fanteria). Inoltre, non inviano armi con tecnologia avanzata, sostenendo pretestuosamente che potrebbero cadere nelle mani dei russi.
Inoltre, la consegna dell'M142 High Mobility Artillery Rocket System (Himars) da 80 km (i russi arrivano a 90 km) è stata una svolta per isolare le unità russe dalle loro unità di supporto. Ma gli ucraini continuano a chiedere i missili Atacms compatibili con l'Himar, con una gittata di 300 km. Quelli attuali consentono di distruggere i centri di comando e i depositi di munizioni. Quelli più lunghi permettono di attaccare le unità russe nelle loro unità di supporto. La giustificazione è che non si fidano che la resistenza non attaccherà il territorio russo con loro e con gli aerei.
Sono stati inviati i missili anticarro Javelin, i droni turchi Bayraktar Tb2 e i carri armati polacchi T72. È stato inviato un veicolo di fanteria tedesco Marder. Ma il governo tedesco non ha ancora inviato i modernissimi carri armati Leopard 2 (costruiti dall'azienda di armamenti Krauss-Maffei Wegmann, con sede a Monaco), indispensabili per sostenere le truppe che stanno liberando le regioni dell'Ucraina orientale.
Alle elezioni del Congresso degli Stati Uniti, i candidati repubblicani, principalmente favorevoli a Trump, vogliono tagliare gli aiuti all'Ucraina. La deputata Marjorie Taylor Greene ha dichiarato in un comizio in Iowa che «con i repubblicani non un centesimo andrà all'Ucraina». Il leader della minoranza della Camera Kevin McCarthy, che spera di diventare speaker della Camera, ha detto che un Congresso controllato dal Gop non darà all'Ucraina «un assegno in bianco». Le critiche agli aiuti militari e finanziari ucraini tentano di combaciare con la crescente crisi economica degli Stati Uniti. Quasi la metà dei repubblicani, il 48%, ritiene che il Paese stia inviando troppo sostegno a Kiev.


Sostenere la resistenza operaia e popolare con armi e supporto politico

In Ucraina, la classe operaia e il proletariato sono armati e organizzati per la lotta. Questa organizzazione non ha ancora un'indipendenza politica e ci sono ancora molte illusioni sul governo Zelensky che, sebbene non sia fuggito dal Paese come la borghesia nazionale, è in realtà al servizio degli oligarchi e delle corporazioni straniere e del progetto imperialista di trasformare il Paese in una semi-colonia, il che spiega la promulgazione di molte leggi contro la classe operaia.
La vittoria a Kherson, che ha sorpreso molti, dimostra che la resistenza ucraina può sconfiggere il potente esercito russo di Putin, ma per questo ha bisogno del sostegno e della solidarietà della nostra classe. Per questo è necessario intensificare la campagna «Armi per l'Ucraina, per la sconfitta militare di Putin», che deve essere ripresa e rilanciata dai sindacati e dalle organizzazioni del movimento operaio nelle fabbriche e nei luoghi di lavoro dei lavoratori di tutto il mondo.
Anche i combattimenti sulla sponda orientale del Dnieper saranno molto difficili e violenti, ma è dimostrato che la resistenza può scacciare l'invasore russo comandato da Putin. Per questo, l'azione della nostra classe, in modo indipendente, è essenziale.
Questa è stata l'azione esemplare svolta con i due convogli internazionali realizzati dalla Rete Sindacale Internazionale di solidarietà e di lotta: portare solidarietà politica e materiale e dimostrare che la resistenza ucraina ha il sostegno dei lavoratori di tutto il mondo.



Iscrizione Newsletter

Iscrizione Newsletter

Compila il modulo per iscriverti alla nostra newsletter - I campi contrassegnati da sono obbligatori.


Il campo per collaborare col partito è opzionale

 

Appuntamenti





campagna

tesseramento 2022

 






Il libro sulla lotta in Alitalia

 




 sabato 3 dicenbre

Cremona

 


giovedì 27 ottobre

zoom nazionale


 

Sabato 15 ottobre

Cremona 

 

 

 


Modena, 9 luglio

 


 16 giugno zoom nazionale 

 

 


sabato 28 maggio Cremona

 


martedì 17 maggio

 

 


 

Giovedì 28 aprile 

ROMA

 


Giovedì 21 aprile:

zoom nazionale sulla Resistenza

 


 

14 APRILE MILANO

ASSEMBLEA ZOOM

 


LUNEDI' 28 MARZO 

ASSEMBLEA ZOOM

 

 


 mercoledì 23 marzo

 


 

Lega Internazionale dei Lavoratori - Quarta Internazionale

NEWS Progetto Comunista n 117

NEWS Trotskismo Oggi n 20

Ultimi Video

tv del pdac